È il regista americano Michael Hoffman il nuovo Presidente di giuria dei Fabrique Awards

    Michael Hoffman
    Il regista Michael Hoffman, Presidente di giuria dei Fabrique du Cinéma Awards 2022.

    Quest’anno i Fabrique du Cinéma Awards vantano una giuria ancor più ricca di grandi nomi italiani e internazionali provenienti dal mondo del cinema e della televisione: è infatti il regista americano Michael Hoffman il prestigioso Presidente di giuria dell’edizione 2022.

    Michael Hoffman debutta alla regia nel 1982 con Privileged, con un giovanissimo Hugh Grant. È del 1991 uno dei suoi film più noti, Bolle di sapone, commedia sul mondo delle soap opera. Gli anni Novanta sono un periodo ricco di successi, fra tutti la commedia romantica  Un giorno… per caso (1996) con le star George Clooney e Michelle Pfeiffer,  e l’adattamento shakespeariano di Sogno di una notte di mezza estate (1999), ancora con Michelle Pfeiffer, Kevin Kline e Stanley Tucci. Nel 2002 Hoffmann dirige Kevin Kline, Emile Hirsch, Jesse Eisenberg e Paul Dano ne Il club degli imperatori, mentre nel 2005 realizza da una sceneggiatura di Don DeLillo il dramma sportivo Game 6, con Michael Keaton e Robert Downey Jr. Del 2008 è The Last Station, dramma storico sull’ultimo anno di vita di Lev Tolstoj, con Helen Mirren, Christopher Plummer e James McAvoy. Il 2011 è l’anno di Gambit, remake del celebre heist movie degli anni Sessanta, scritto dai fratelli Coen, con Colin Firth e Cameron Diaz. Nel 2014 Hoffman dirige The Best of Me – Il meglio di me, trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Nicholas Sparks, che vede come protagonisti Michelle Monaghan e James Marsden. Nel 2017 scrive e dirige Dear Mr. Vidal per Netflix. Legato al Sundance Institute fin dagli inizi della sua carriera, Hoffman continua il suo lavoro come ambassador e mentor del Sundance supportando lo sviluppo di progetti di giovani registi, fra cui Chloe Zhao, Debra Granik, Taika Watiti e Miranda July.

    Michael Hoffman si affianca alla giuria che assegnerà i premi del concorso, composta dallo sceneggiatore e regista Stefano Sardo, il regista Valerio Mieli, il giornalista Giovanni Minoli, gli attori Carlotta Natoli e Remo Girone, il compositore Franco Bixio e la casting director Beatrice Kruger